Santa Muerte Virale

santamuerte1

Di Fabrizio Lorusso

Questo articolo è uscito sul quotidiano Il Manifesto (cartaceo) del 21 agosto 2017. Le foto sono di F. L. e sono state scattate a Tultitlán, nell’hinterland della capitale messicana, presso il santuario di Enriqueta Vargas, madre del defunto Comandante Pantera o Jonathan Legaria Vargas, alias Padrino Endoque. Solo fa eccezione la foto della custode del culto nel quartiere di Tepito, Enriqueta Romero.

Continua a leggere

Annunci

Uniti e Separati

dali_1

Di Theodor W. Adorno

Il matrimonio, la cui abietta parodia sopravvive in un’epoca che ha sottratto ogni terreno al matrimonio come diritto umano, serve oggi, per lo più, al trucco dell’autoconservazione: ognuno dei due congiurati attribuisce all’altro la responsabilità di tutto il male che commette, mentre – in realtà – essi vivono insieme una vita torbida e stagnante.

Continua a leggere

A Muntagna

mannajuolo

Di Enrico Sanna

Tema: La montagna.

“Gesù Gesù, vai a Napoli? Quando vai fai una cosa. Tu apri la finestra e guardi e vedi a Muntagna. Ovunque stai. Arape e vide a Muntagna.”

Il suo nome era una sorta di marchio di fabbrica di Napoli. Si chiamava Ciro Esposito. Ci eravamo conosciuti a Roma, estrema periferia nord, dopo Pineta Sacchetti, dopo il San Filippo, dopo l’Ottavia. Io mandato a Napoli e lui… non mi ricordo dove. Non so se lui volesse andare a Napoli. Non mi pareva che ci tenesse. Ma quando gli dissi che mi mandavano a Napoli, mi raccomandò di guardare a Muntagna. Così chiamava il Vesuvio, forse da un verso di una canzone che dice “Quant’è bella a Muntagna stanotte. Bella accussì nunn’a aggio vista maie.”

Continua a leggere

Funghi per Cinque

magic_mushroom

La prima esperienza psichedelica

Di Psychedelic Frontier

Una notte di febbraio. Piove. Ci incontriamo nell’appartamento di Lee e Dan. Siamo in cinque: i padroni di casa, Alex, Jason e io. Il nostro giro è più grande, ma gli altri non sono nella droga “seria”. Noi cinque ci definiamo scherzosamente la “Commissione Psiconautica” dall’autunno scorso, quando abbiamo provato l’ecstasy per la prima volta.

Questa sera esploro una nuova frontiera psichedelica. Maciniamo un ottavo di oncia di funghi secchi, misceliamo con succo d’arancia e buttiamo giù. Sa di terra.

Continua a leggere