Dora Williams

ziegfeld follies

Edgar Lee Masters

Quando Reuben Pantier scappò e mi piantò

Andai a Springfield. Lì incontrai un beone,

Che morto il padre ereditò una fortuna.

Mi sposò che era ubriaco.

La mia vita fu una rovina.

Passò un anno e un giorno fu trovato morto.

Diventai ricca. E partii per Chicago.

Dopo un po’ incontrai Tyler Rountree, bandito.

Così andai a New York. Un ricco ingrigito

S’invaghì di me: un’altra fortuna.

Morì una notte proprio tra le mie braccia, sapete.

(Per anni ho rivisto il suo viso purpureo).

Quasi ci fu uno scandalo.

E me ne andai, stavolta a Parigi. Ora ero una donna,

Insidiosa, sottile, esperta, di mondo e di ricchezze.

Il mio appartamentino presso gli Champs Élysées

Divenne un luogo per genti di ogni sorta,

Musicisti, poeti, dandy, artisti, nobili,

E parlavamo inglese, francese, italiano e tedesco.

Sposai il Conte Navigato, nativo di Genova.

Andammo a Roma. Mi avvelenò, credo.

Ora nel Camposanto sopra

La città dove il giovane Colombo sognava nuovi mondi,

Vedete voi cos’hanno inciso: “Contessa Navigato

Implora eterna quiete.”

Da: Edgar Lee Masters, Spoon River Antology. Traduzione di Enrico Sanna.

Annunci

Una Parola per la Morale

sportfest

Theodor W. Adorno

L’amoralismo, con cui Nietzsche attaccava l’antica menzogna, soggiace a sua volta al verdetto della storia. Con la dissoluzione della religione e delle sue evidenti secolarizzazioni filosofiche, i divieti e le limitazioni tradizionali avevano perso il loro prestigio e la loro sostanza. Ma, in un primo tempo, la produzione materiale era ancora relativamente poco sviluppata, ed era possibile affermare, non senza qualche ragione, che non c’era abbastanza per tutti.

Continua a leggere

Riesumazioni

CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 94

Gustav Landauer

Il kaiser tedesco era kaiser romano solo perché riceveva la benedizione dal papa. I greci e i romani sono i nostri vicini che hanno percorso la loro strada fino in fondo, da soli. Ci sono delle volte in cui è importante rivolgere uno sguardo a culture simili alla nostra, ma un ritorno a queste culture non è mai possibile. Ciò che è morto non può essere risuscitato. Il Rinascimento europeo portò all’ascesa dell’età barocca, il risveglio dell’individualismo e del personalismo, nonché la fuga dai confini del Medio Evo. Ma non portò alla rinascita del mondo greco-romano, che ci ha dato una lingua morta (il latino del Medio Evo era vivo, non classico), un diritto morto (e mortale!), e un Aristotele morto (anche Aristotele era vivo durante il Medio Evo).

Io non voglio sminuire le meravigliose conoscenze che si possono acquisire dal mondo greco-romano; semplicemente dubito di tutti i tentativi umanistici di riportarlo in vita. Questi tentativi servono solo ad uccidere ciò che oggi è vivo.

Estratto da: Gustav Landauer, Die Revolution. Essay. Literarische Anstalt Rütten und Loening, Frankfurt/M. 1907. Münster 2003. Traduzione italiana di Enrico Sanna.

La Rimozione del Banale

bosch

Wilhelm Reich

La leggenda biblica della creazione dell’uomo fatto a immagine e somiglianza di Dio, la leggenda della sua superiorità sul regno animale eccetera, riflette chiaramente l’azione di rimozione che l’uomo ha compiuto contro la sua natura animalesca. Ma ogni giorno gli viene ricordata la sua vera natura attraverso le sue funzioni organiche, la procreazione, nascita e morte, le spinte amorose e la dipendenza dalla natura. Quindi i suoi sforzi sono tanto più frenetici per adempiere alla propria vocazione divina nazionale; l’antichissimo odio contro ogni vera scienza naturale che non si limita alla costruzione di macchine nasce da questa fonte. Ci vollero parecchi millenni prima che un Darwin riuscisse a dimostrare chiaramente la discendenza dell’uomo dagli animali. Ci volle altrettanto tempo perché un Freud scoprisse il fatto, in sé banale, che il bambino è da cima a fondo e soprattutto un essere sessuale. E quanto chiasso fece l’animale uomo quando venne a sapere queste cose! Dalla superiorità rispetto agli animali si arriva direttamente alla superiorità razziale sui negri, ebrei, francesi, ecc. È chiaro: si preferisce essere padroni anziché animali.