Pensate Ancora che il Sale Provochi Ipertensione?

Di Paul Fassa

sale

Il troppo sodio come causa della pressione alta è un mantra dogmatico indiscusso di questi ultimi decenni. Alcuni medici ribelli, qualche neuropatico e qualche chiroterapeuta, però, hanno sfidato l’ipotesi mai provata secondo cui il sale è alla base dell’ipertensione. Pare che il legame tra alte dosi di sodio e pressione alta sia falso.

Il sale puro, non raffinato, è in realtà un componente della dieta necessario e utile. Forse il più grande sostenitore dell’uso del sale è David Brownstein, medico, autore di Salt Your Way to Health. Il comune sale da tavola raffinato, usato in grande quantità nei cibi trattati, è prodotto con sostanze tossiche e privato dei suoi valori nutrizionali intrinseci. È praticamente un veleno con pochissimo valore nutritivo, anche se il suo uso frequente non causa ipertensione.

In realtà, gli ipertesi (anzi, chiunque) dovrebbero consumare più cibi ricchi di potassio. Le meta-analisi dimostrano che una piccola quantità di potassio ha lo stesso effetto sulla pressione di un elevato consumo di sodio: il vero problema è il bilanciamento tra sodio e potassio.

Apparentemente, il colpevole dell’ipertensione sembrerebbe lo sciroppo di fruttosio di mais, il cui uso è legato ad obesità, diabete e malattie cardiovascolari.

L’uso del fruttosio, piuttosto che lo zucchero di canna o di barbabietola, è diffuso in cibi trattati come i succhi di frutta, i dolciumi, e le bevande gassate. È più economico del saccarosio (lo zucchero comune), e soddisfa i gusti “dolci” degli standard dietetici americani.

Secondo il dipartimento dell’agricoltura americano, il consumo di fruttosio è aumentato molto tra il 1970 e il 2005, e attualmente è la fonte principale di calorie prive di sostanza. Ogni americano ingerisce quasi 16 chili di sciroppo all’anno.

Come il Fruttosio Contribuisce all’Ipertensione

Nella frutta il fruttosio è legato ad altre sostanze nutritive che ne bilanciano gli aspetti negativi. Ma una volta estratto dal mais e concentrato in sciroppo diventa troppo pesante per il metabolismo. Anche lo zucchero comune è metabolizzato meglio.

Robert H. Lustig, medico e docente di pediatria in una divisione di endocrinologia, spiega che l’aumento del consumo di fruttosio negli ultimi trenta o quarant’anni è alla base dell’epidemia di obesità e diabete, entrambe concause di ipertensione.

Lo sciroppo di mais causa un sovraccarico tossico dovuto ad un’insufficienza del metabolismo. Il fegato non riesce e a convertire il fruttosio concentrato in energia e lo immagazzina sotto forma di grasso. A questo si aggiunge il pericolo rappresentato dal mais transgenico con tracce di erbicidi tossici e mercurio quale sottoprodotto del processo di conversione. Questo sovraccarico tossico porta a obesità, ingrossamento e altre malattie del fegato, e malattie renali.

In aggiunta a ciò, uno dei prodotti tossici che rimangono nell’organismo dopo il consumo di fruttosio è l’acido urico. Un test condotto su 17 persone con elevata percentuale di acido urico ha dato il 100% di incidenza di ipertensione. L’acido urico inibisce l’ossido di azoto nei vasi sanguigni.

L’ossido di azoto è un gas volatile che aiuta a mantenere l’elasticità dei vasi sanguigni. Quando l’elasticità diminuisce aumenta la pressione. Qui trovate quattro metodi per incrementare la presenza di ossido d’azoto in maniera naturale.

Il valore ideale di acido urico nel sangue va da 3 a 5,5 mg/dl: 4 per l’uomo e 3,5 per la donna. Valori più alti possono causare ipertensione. Consultate uno specialista per l’esame dell’acido urico, oppure cercate “esame sangue acido urico” su internet.

Annunci

Scrivi un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...