La Fregatura dei Led

La vita di una su quattro di queste costose lampade “a lunga durata” non si avvicina neanche alle dichiarazioni del produttore

Da Daily Mail

lampadine_led

Secondo i test, molte delle lampade a led a basso consumo messe alla prova si sono bruciate prima del termine dichiarato dai costruttori.

Alcune non hanno raggiunto neanche il minimo di 6.000 ore richiesto dalle normative della UE che entreranno in vigore a marzo.

Secondo Which?, le peggiori sono quelle vendute da Ikea e Technical Consumer Products (TCP).

Associazioni di consumatori e partner europei hanno testato lampade di 46 modelli. Le normative europee in vigore dal primo marzo dicono che il 90% delle lampade a led in ogni lotto di produzione deve durare almeno 6.000 ore.

Le lampade sono state sottoposte ad un test che prevede l’accensione per 165 minuti e lo spegnimento per altri 15, alternati, fino alla bruciatura.

Cinque modelli, alcuni dei quali oltre le 10 sterline (12 euro), hanno smesso di funzionare prima di 6.000 ore.

Altri cinque hanno smesso di funzionare prima di 10.000 ore, nonostante fossero garantiti per 25.000. In tutto, 66 campioni su 230 hanno smesso di funzionare prima di 10.000 ore, nonostante fossero garantiti per almeno 15.000.

Le lampade vendute da TCP e Ikea erano le uniche vendute in Gran Bretagna. Entrambe le società dicono di non averle più.

Secondo la Ikea, le lampade avevano passato i propri test e quelli affidati ad un laboratorio esterno. Ha detto di aver fatto un’indagine sul perché del fallimento dei test voluti da Which?, e di aver ritirato le lampade in quei paesi in cui erano ancora disponibili.

TCP ha detto di essere al corrente del problema, e per questa ragione ha ritirato dal commercio le lampade in questione. Ha anche aggiunto di aver disdetto i contratti con quei fornitori per produrre le lampade internamente.

Si stima che l’anno scorso sia stato venduto un milione di lampade a led in Gran Bretagna. Matt Clear, ricercatore di Which?, ha detto: “I fabbricanti di lampade a led tendono a reclamizzare la durata; è normale leggere di durate che arrivano a 25.000 o anche 50.000 ore. Ma noi abbiamo scoperto che molte si bruciano molto prima del termine.

“Una delle caratteristiche che attirano è il fatto che dovrebbero durare a lungo. Dunque se stai spendendo molto per una lampada a led – che solitamente costa più di altri modelli – vuoi essere sicuro che sia così come reclamizzato.”

I led emettono luce facendo passare della corrente elettrica in un semiconduttore. Se sono fatte con materiali scadenti possono bruciarsi, e poi sono molto sensibili agli sbalzi di tensione.

Possono bruciarsi anche per surriscaldamento se il calore prodotto dai diodi non viene dissipato efficacemente. Le lampade più luminose risentono particolarmente particolarmente di questo problema.

È solo da poco che i diodi ad emissione luminosa (led) si usano per lampade casalinghe. Il loro costo può arrivare a 40 sterline (48 euro). C’è chi non ama la loro luce bluastra, ma consumano meno di altre lampade, anche il 90% meno rispetto alle lampade ad incandescenza, paragonato al 60-80% in meno delle fluorescenti compatte. Inoltre i led dovrebbero durare di più: fino a 25 anni. Rispetto alle fluorescenti, i led hanno anche altri vantaggi: si accendono all’istante e non contengono mercurio. Se i led funzionano con un semiconduttore, le normali lampade a basso consumo fanno passare una scarica elettrica nei vapori di mercurio creando luce ultravioletta, che viene poi assorbita da un rivestimento di fosforo che emette luce visibile.

Nel 2007 il governo annunciò che entro il 2011 le lampade ad incandescenza tradizionali sarebbero uscite dal mercato, a partire da quelle da 100 watt.

L’abbandono delle lampade tradizionali faceva parte della tendenza alla riduzione dei consumi elettrici in Europa. Ai consumatori fu detto che ciò avrebbe fatto calare le bollette. Secondo Energy Saving Trust cambiando una lampadina si risparmiano mediamente 3 sterline (3,65 euro) l’anno, mentre cambiano tutte le lampadine della casa il risparmio arriva a 55 sterline (67 euro). Ma la messa al bando ha innervosito molti, che ritengono le vecchie lampadine più economiche di quelle a basso consumo.

Le lampade a basso consumo sono criticate anche per il basso livello luminoso e per il lungo tempo di avvio, e non piacciono perché alcuni modelli non possono essere regolati.

Perciò qualcuno ha cominciato a fare scorte di lampadine tradizionali che, anche se ufficialmente fuorilegge, si trovano ancora tra le scorte invendute di qualche piccolo negozio di forniture elettriche.

In Gran Bretagna si trovano tre tipi di lampadine ad alta efficienza: alogene, fluorescenti compatte e a led.

Il prossimo stadio è atteso per il 2016, quando tutte le lampadine oltre i 60 lumen dovranno essere almeno di classe B, il che esclude le attuali lampade alogene ad alta efficienza.

Annunci

Scrivi un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...